Nasce nel 1944 a Roma, dove svolge la professione forense dedicando particolare attenzione ai problemi inerenti i diritti degli autori delle opere cinematografiche.

Nel 1994 viene incaricato da Manuel De Sica di costituire un organismo che salvaguardi la memoria del padre dall`ingiuria del tempo. Nasce così l`Associazione Amici di Vittorio De Sica della quale assume la carica di segretario. Dalla sua costituzione ad oggi l`Associazione ha provveduto al restauro dei più importanti film di Vittorio De Sica, ha editato oltre 12 monografie sul Regista, ha organizzato eventi in Italia e all'estero. A Cagliari, dove, a margine di una mostra fotografica sul Regista, è stata presentata l'edizione restaurata de Il giardino dei Finzi Contini (1971), a Napoli ove è stato proiettato Lohengrin (1936) di Nunzio Malasomma e offerta la monografia relativa, a Los Angeles dove, in collaborazione con il nostro Istituto di Cultura è stata programmata una esauriente retrospettiva e realizzato un catalogo ad hoc.

In considerazione dei risultati conseguiti, approssimandosi il centenario della nascita di Alessandro Blasetti, la figlia del Regista, Mara, lo incarica di organizzare le celebrazioni in onore del padre. Costituisce con i nomi più prestigiosi del cinema italiano il Comitato Alessandro Blasetti per le celebrazioni del centenario che, sotto la sua direzione, provvede al restauro del film Fabiola (1948) ed edita la monografia 1900 a. blasetti 2000, un'opera che raccoglie i contributi dei più importanti critici del cinema. Per avvicinare i giovani al Regista realizza un CDrom Alessandro Blasetti: un primo incontro, per le cure di Grazia Sette, che viene presentato con successo nell`ambito di Culturalia 2000. Le celebrazioni proseguono ad Agrigento in occasione dell'Efebo d'oro, dove nel locale museo archeologico viene allestita la mostra Alessandro Blasetti. Il mestiere del cinema, poi riproposta al Museo di Roma in Trastevere.

Nel 2002, su incarico di Anna Maria Camerini ed Evelina Nazzari, costituisce Gli archivi del 900, asociazione di cui assume la carica di segretario generale, istituzione che, seguendo l';indirizzo dell'Associazione e del Comitato, si prefigge non solo la salvaguardia del cinema di Mario Camerini ed Amedeo Nazzari ma anche di promuovere il giovane cinema italiano d'autore. Così da un lato restaura e presenta al pubblico film come I promessi sposi (1941) di Mario Camerini o La cena delle beffe (1941) di Alessandro Blasetti con Amedeo Nazzari, e dall'altro, a partire dal 2005, organizza il santa marinella film festival una rassegna competitiva sul giovane cinema italiano che ogni estate ha luogo sulla riviera tirrenica.

Con la monografia Contessa di Parma La modernità a Torino negli anni Trenta sull';omonimo film di Alessandro Blasetti, volume con il quale prende il via la collana I quaderni de Gli archivi.
Negli anni successivi per la medesima collana cura I promessi sposi, un film Lux diretto da Mario Camerini, con Arnaldo Colasanti, Amedeo Nazzari, Rigore e pathose con Franco Promo Ettore Fieramosca. Segreti e passioni secondo Blasetti. Per festeggiare gli ottanta anni di Luigi Magni cura con Arnaldo Colasanti la quinta monografia della collana Luigi Magni: l'altra storia che viene presentata in occasione della premiazione delsanta marinella film festival .

Iin occasione del trentennale della scomparsa di Mario Camerini esce la monografia Mario Camerini: la nascita della modernità che presenta a Roma nell'ambito del Festival Internazionale del Cinema, ad una folta e qualificata platea. Nella stessa occasione all'Auditorium Parco della Musica viene proiettato, di Mario Camerini, l'ultimo capolavoro del periodo muto Rotaie e, a conclusione del santa marinella film festival del 2011, dopo la proclamazione dei vincitori, Batticuore (1939).

Nell'estate 2013, per ricordare Furio Scarpelli da poco scomparso, apre la IX edizione delsanta marinella film festival con Tormenti, film disegnato(dallo stesso Scarpelli) con la regia del nipote Filiberto Scarpelli.

Visto il successo riscosso del santa marinella film festival , in collaborazione, i film premiati nelle varie edizioni vengono riproposti al pubblico romano nell'Auditorium di Palazzo Antici Mattei di Via Michelangelo Castani, grazie all'ospitalità dell'ICBAS (Istituto Centrale per i Beni Audiovisivi e Sonori).

Nel corso delle sue quattordici edizioni il santa marinella film festival ha presentato opere prime ed autori esordienti di grande interesse culturale e artistico. Ricordiamo uno tra tutti Asino vola di Paolo Tripodi e Marcello Fonte questo anche in veste di interprete che, presente alla proiezione, ha incantato il pubblico del festival con la sua incontenibile comunicativa.

Raccoglie manifesti, press book, VHS e DVD, libri di cinema che mette a disposizione degli studiosi e dei cinefili, ha in corso la realizzazione de la casa degli autori del cinema, un centro di informazione e documentazione cinematografica con biblioteca, videoteca e reparto iconografico ricco di fotografie, manifesti, locandine e simili.

Link

www.santamarinellafilmfestival.org

Contatti
Studio Legale Nicosia
Via Fabio Massimo 107
00192 Roma
studionicosia@virgilio.it
^ inizio pagina
© Ernesto Nicosia 2019 - Tutti i diritti riservati